.
Annunci online

savetheworld
salviamo il mondo
24 giugno 2009
Incredibile documento filmato che prova il piano eversivo di Ahmadinejad e dei Mullah

Voglio violare una promessa fatta a un caro amico, voglio tornare a parlare di Secondo Protocollo in occasione della pubblicazione di un filmato di importanza incredibile e che spero venga preso in considerazione da chi di dovere perché quel filmato, arrivato chissà come dall'Iran, è la prova reale delle intenzioni di Ahmadinejad e degli Ayatollah. Non vado oltre i rimando direttamente al link in questione pregandovi di fare attenzione alle considerazioni della ragazza iraniana che ha tradotto il video. Questo è il link


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. iran ahmadinejad video di ahmadinejad

permalink | inviato da savetheworld il 24/6/2009 alle 11:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
20 maggio 2009
Iran- intervenire prima che sia troppo tardi

Oggi l'Iran ha testato con successo un missile in grado di portare testate nucleari e di raggiungere Israele. Contemporaneamente quel porco di Ahmadinejad ha trattato Frattini come una pezza da piedi, tanto per dimostrare che non gli frega un cazzo di trattare. Allora a questo punto non ci sono più scuse, dobbiamo risolvere la faccenda da soli prima che sia troppo tardi. Voglio vedere chi avrà il coraggio di protestare.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. iran ayatollah soluzione finale

permalink | inviato da savetheworld il 20/5/2009 alle 20:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
8 aprile 2009
Un avviso agli iraniani

Oggi Israele ha testato un nuovo tipo di missile anti-missile basato sul vecchio Arrow simulando un attacco missilistico iraniano. Il test ha avuto successo. Questa mi sembra una tappa fondamentale nell'avvicinamento all'unica soluzione possibile con i Mullah iraniani, sganciare un paio di confetti su Natanz.

14 marzo 2009
L'Iran come Hitler non vedrà mai la soluzione finale

Stavo leggendo questo articolo che effettivamente fa meditare parecchio. Non c'è dubbio che gli Ayatollah cercano in tutti i modi di cancellare Israele ed è partita la campagna di giustificazione per quelli che saranno i prossimi passi del regime iraniano contro Israele. Aspettiamoci una recrudescenza degli atti violenti, del terrorismo legato ai Mullah e ad Hamas. Ahmadinejad ha bisogno del consenso popolare se vuol vincere le prossime elezioni senza trucchi evidenti (i trucchi ci saranno comunque) e quale strategia migliore di individuare un nemico da abbattere? Solo che che il suo predecessore (Hitler) il caro presidente iraniano non arriverà mai a vedere la soluzione finale contro gli odiati ebrei. Qualche segno di debolezza del nuovo presidente americano (e si, proprio così) aggiunto alla situazione politica piuttosto confusa che sta vivendo Israele, hanno rinvigorito i nazisti di Teheran. Si mettano il cuore in pace gli Ayatollah e i loro amichetti europei, noi da qui non schiodiamo, tuttalpiù faremo un innocuo voletto fino a Bushehr giusto per fare un salutino ai nostri amici e portare loro amichevoli confetti di amicizia.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. iran ayatollah soluzione finale

permalink | inviato da savetheworld il 14/3/2009 alle 13:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
21 dicembre 2008
Iran: come esportare la rivoluzione iraniana in Libano

L'Iran e gli Hezbollah hanno fondato un importante network di istituti religiosi e culturali. Questo network serve per indottrinare la società libanese, soprattutto la comunità sciita, con l'ideologia islamica radicale iraniana.

 http://www.terrorism-info.org.il/malam_multimedia/Hebrew/heb_n/html/img/iran_003_1.jpg ( Promuovere il culto della personalità di Khamenei, a sinistra, e Khomeini, a destra, attraverso libri distribuiti dagli Hezbollah in Libano )

 "...La vittoria è il risultato della resistenza(terrorismo). La resistenza è frutto della cultura ed è lei stessa cultura". ( Il leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah, parlando ad un incontro organizzazione dall'Associazione Culturale Islamica Al-Ma'aref collegata con Hezbollah, nel maggio 2006 ).

"...Sayyid Hassan Nasrallah si considera un soldato del leader iraniano(Khamenei), ed i militanti di Hezbollah seguono l'esempio degli uomini e delle donne coraggiosi dell'Iran..." ( Sayyid Yahia Rahim Safavi, consulente militare del leader iraniano ed ex capo delle Guardie Rivoluzionarie, Agenzia di informazione iraniana Fars, 16 Novembre 2008 ).

 http://www.terrorism-info.org.il/malam_multimedia/Hebrew/heb_n/html/img/iran_003_2.jpg ( Sayyid Yahia Rahim Safavi durante il discorso; sullo sfondo ci sono fotografie di Khamenei e Khomeini -Agenzia di informazione Fars, 16 Novembre 2008 )

 1)Il Libano è un esempio unico del successo iraniano di esportare la rivoluzione islamica attraverso gli Hezbollah, un'organizzazione fondata dall'Iran con l'assistenza della Siria nell'estate 1982. Questo successo è visibile sia nella imponente struttura militare degli Hezbollah, che ha dimostrato di poter colpire Israele, e sia nel rafforzamento della forza politica di Hezbollah sulla scena libanese, al punto di essere in grado di porre il veto sulle decisioni prese dal governo libanese negli accordi di Doha(Maggio 2008). Oltre alle capacità politiche e militari, bisogna prendere in considerazione l'ampia rete sociale e culturale creata dagli Hezbollah, è attraverso questa rete che l'Iran esercita la sua influenza a lungo termine sul Libano, soprattutto sulla comunità sciita, il più grande gruppo del paese.

 2)Più che un semplice strumento per allargare l'influenza dell'Iran, l'attività ideologica condotta dagli Hezbollah serve per indottrinare la società libanese con il concetto di "società di resistenza", che è una società completamente dedicata ad una lunga lotta armata contro Israele, con gli Hezbollah in prima linea. Questo concetto è stato introdotto durante un recente discorso di Sheikh Na'im Qassem, segretario generale dei deputati di Hezbollah, ad una cerimonia organizzata da un organo di Hezbollah alla facoltà di scienze dell'università del Libano per commemorare i martiri. Questo intervento fa eco al discorso di un leader iraniano sulla "cultura della resistenza" in Iran(Nota 1). 

 3)Nel suo discorso, lo sceicco Na'im Qassem ha auspicato la creazione di una "società di resistenza", in cui ognuno vive un vita normale a scuola, all'università, al lavoro, al negozio. Tuttavia "se qualcuno viene chiamato al fronte, deve fare tutto quello che gli viene richiesto e successivamente tornare alla sua vita quotidiana". Ha detto che vuole trasformare l'intera società libanese in una "società di resistenza" e che è interessato prima ai propri doveri e successivamente alla sua vita quotidiana. Qassem inoltre ha osservato che sarebbe utile organizzare la società di resistenza fornendole armi, potere ed abilità nello scontro bellico(con Israele). Tale società stringerebbe il cappio intorno al collo di Israele e salverebbe il Libano dalle pressioni esterne. Come parte di questo programma, gli Hezbollah non vogliono ovviamente essere disarmati, ma piuttosto integrati in una "strategia di difesa globale" del Libano. ( Sito web Al-Manar TV, 20 Novembre 2008 )

 Esportare la rivoluzione islamica iraniana attraverso gli Hezbollah

 4)Gli Hezbollah, usati dal regime iraniano come il principale strumento per esportare la rivoluzione in Libano, sono anche un mezzo efficace per diffondere l'ideologia sciita radicale. L'Iran e gli Hezbollah gestiscono un importante network di strutture religiose,educative,culturali e sociali nella comunità sciita in Libano. Insieme all'impero mediatico di Hezbollah ( tra cui una televisione satellitare, una stazione radiofonica, siti web, giornali, librerie e case editrici ). Tutti quelli che lavorano con gli Hezbollah ed il regime iraniano nella guerra(per la conquista)dei cuori e delle menti del pubblico libanese, contribuiscono ad aumentare la loro influenza politica ed ideologica nella società libanese in generale e nella comunità sciita in particolare. (Nota 2)

 5)L'Intelligence & Terrorism Information Center ha riesaminato recentemente le attività delle società e dei centri culturali dell'Iran e degli Hezbollah che operano in Libano, oltre al contenuto delle loro pubblicazioni. I risultati mostrano ancora una volta che le pubblicazioni degli Hezbollah, che includono la traduzione in arabo della letteratura iraniana, servono per diffondere l'ideologia iraniana in Libano e per fomentare il culto della personalità del Leader Supremo Iraniano Ali Khamenei e dell'istigatore della Rivoluzione Islamica, Ayatollah Khomeini. Queste pubblicazioni servono anche per fomentare l'odio contro gli Stati Uniti, Israele, incoraggiare il terrorismo e la violenza contro Israele, commemorare i martiri di Hezbollah, trasformandoli in modelli da imitare per i ragazzini libanesi, visti dagli Hezbollah come la prossima generazione della sua ala militare.

 Associazioni e centri culturali che operano in Libano per conto degli Hezbollah e dell'Iran

 6)L'Iran e gli Hezbollah hanno costituito in Libano una vasta rete di carattere educativo,religioso e culturale, il cui scopo principale è formare i cuori e le menti della comunità sciita in Libano(Nota 3). Queste istituzioni "importano"in Libano l'ideologia radicale sciita iraniana ed il ruolo degli Hezbollah è di solito limitato a quello di riceventi, senza poter apportare modifiche e/o contributi ideologici. L'istituzione di questo sistema culturale,educativo e religioso, che è iniziato a partire dalla metà degli anni '80, è stato guidato dall'Iran e dai suoi uomini; le guardie rivoluzionarie, gli addetti culturali delle ambasciate iraniane a Damasco e Beirut, oltre alle istituzioni sociali iraniane con filiali in Libano. Il coinvolgimento dell'Iran riguarda anche ingenti somme di denaro per creare e mantenere questo vasto network.

 7)Una delle più importanti associazioni che operano in Libano è l'associazione culturale islamica Al-Ma'aref(Nota 4)(che chiameremo successivamente "Associazione Al-Ma'aref"). Fondata in Libano nel 1996, il suo obiettivo è quello di diffondere l'Islam secondo l'ideologia khomeinista ed il concetto della rivoluzione islamica in Iran, "occupa un ruolo naturale nel dialogo interculturale e nei confronti"(dal sito dell'associazione). L'associazione ha decine di centri culturali che agiscono nello spirito dell'ideologia khomeinista, compreso il centro Al-Nur contro l'analfabetismo ed i centri culturali per le donne. L'associazione gestisce una vasta rete di istituti ed è collegata con altri centri di cultura in Libano che diffondono gli insegnamenti e l'ideologia di Khomeini(vedi sotto).

 8)L'associazione Al-Ma'aref ha una propria casa editrice. Partecipa alle fiere dei libri ed è collegata con altri centri culturali impegnati nella diffusione dell'Islam radicale iraniano.

 9)L'associazione pubblica periodici sciiti come: "Baqiyat Allah"(Nota 5), "Sada Al-Wilaya"(L'eco della responsabilità alla casa di Alì)e "Dawhat al-Wilaya"(La dinastia della casa di Alì)

 L'associazione Al-Ma'aref alla Fiera del Libro di Beirut

 10)Nel 2006 e nel 2007 le Fiere Internazionali del Libro di Beirut sono state organizzate dall'associazione Al-Ma'aref. Hanno preso parte a queste fiere case editrici del mondo arabo-islamico. La fiera non è stata fatta nel 2008, probabilmente a causa della mancanza di interesse internazionale nella fiera dello scorso anno.

 http://www.terrorism-info.org.il/malam_multimedia/Hebrew/heb_n/html/img/iran_003_3.jpg ( Hassan Nasrallah fa un discorso alla Fiera del Libro dell'associazione Al-Ma'aref )

 11)La Fiera del Libro del Maggio 2006 si è svolta nella sala Sheik Abbas Moussawi(Sayyid al-Shuhadaa')del quartiere di Al-Dahiya, nella periferia sud di Beirut(sciita, roccaforte di Hezbollah). Il leader degli Hezbollah Hassan Nasrallah, che ha sponsorizzato la fiera, ha tenuto un discorso. Ha menzionato l'anniversario della cacciata dell'esercito israeliano dal Libano(23 Maggio 2000), dicendo che la vittoria è stata "un risultato della resistenza(terrorismo). La resistenza è un prodotto della cultura, ed è essa stessa cultura".

 http://www.terrorism-info.org.il/malam_multimedia/Hebrew/heb_n/html/img/iran_003_4.gif ( A sinistra: Hassan Nasrallah ad uno stand di libri nella fiera del 2006. A destra: La hall in cui si è tenuta la fiera del libro organizzata dall'associazione Al-Ma'aref )

 Quelle che seguono sono alcune caratteristiche delle case editrici e dei centri culturali in Libano associati con l'Iran e gli Hezbollah, che agiscono ispirati dall'ideologia islamica sciita del regime iraniano:

 a)Il Centro Culturale Imam Khomeini: Istituzione con molte filiali in Libano. Il suo quartier generale si trova nel quartiere sciita di Harat Hreik(roccaforte di Hezbollah), nel sobborgo meridionale di Beirut. Il centro è coinvolto nella traduzione e nella diffusione dell'eredità ideologica dell'Imam Khomeini(Nota 6)e nella diffusione della "cultura della resistenza"(cultura del terrorismo), oltre che nel culto della personalità dell'Imam Khomeini e del suo successore, Khamenei. Il centro organizza assemblee e convegni sulla filosofia di Khomeini.

 http://www.terrorism-info.org.il/malam_multimedia/Hebrew/heb_n/html/img/iran_003_5.jpg ( L'indirizzo del centro culturale Imam Khomeini che si trova nel quartiere sciita di Harat Hreik(roccaforte di Hezbollah), nel sobborgo meridionale di Beirut, così come è apparso nel dietro di copertina di un pamphlet intitolato: "Jihad"-guerra santa-, pubblicato nel 2004 dal Centro di Cultura Imam Khomeini ).

 b)Mahad Sayyid al-Shuhadaa'(Istituto signore dei martiri)(Nota 7): Istituzione che pubblica libri religiosi sciiti e che si occupa principalmente del martirio dell'Imam Hossein. Alcuni di questi libri sono disponibili sul sito web dell'associazione Al-Ma'aref. L'istituto organizza assemblee e convegni per promuovere l'ideologia khomeinista. A questi convegni partecipano il leader degli Hezbollah Hassan Nasrallah ed altri uomini importanti di quest'organizzazione(gli Hezbollah).

 http://www.terrorism-info.org.il/malam_multimedia/Hebrew/heb_n/html/img/iran_003_6.jpg ( Il logo dell'istituto signore dei martiri )

 c)L'istituto Imam Al-Mahdi: Fondato nel 1990, si descrive come "un ente che pubblica la cultura islamica". E' specializzato nella pubblicazione e distribuzione di letteratura islamica sciita basata sull'ideologia khomeinista.

 http://www.terrorism-info.org.il/malam_multimedia/Hebrew/heb_n/html/img/iran_003_7.jpg ( Il logo dell'istituto Imam Al-Mahdi )

 d)Markaz Baqiyyat Allah al-A'zam lil-Dirasat (Centro studi Baqiyyat Allah): Una casa editrice di letteratura religiosa sciita che promuove la pubblicazione di libri riguardo la Rivoluzione Islamica in Iran. In particolare pubblica gli scritti dell'Ayatollah Khomeini ed Alì Khamenei.

 http://www.terrorism-info.org.il/malam_multimedia/Hebrew/heb_n/html/img/iran_003_8.jpg ( La copertina del numero di ottobre 2008 del mensile "Baqiyyat Allah", uno dei più importanti periodici degli Hezbollah )

 e)Casa editrice Dar al-Hadi: Un'importante casa editrice riconducibile agli Hezbollah, anche se formalmente si evita di associarla a tale organizzazione. Pubblica libri sugli Hezbollah, sulla religione, sull'eredità dell'Imam Khomeini, oltre ad incitamenti anti-israeliani, antisionisti ed antisemiti.

 http://www.terrorism-info.org.il/malam_multimedia/Hebrew/heb_n/html/img/iran_003_9.jpg ( Gli uffici della casa editrice Dar al-Hadi a Beirut )

 f)Casa editrice Imam al-Mahdi(il movimento giovanile degli Hezbollah): Casa editrice specializzata in libri ed opuscoli per bambini ed adolescenti, per indottrinarli con i valori dell'Islam radicale sciita, l'odio contro Israele e l'importanza del jihad, oltre al culto della personalità del leader supremo Alì Khamenei.

 12)Quelli che seguono sono esempi di pubblicazioni(libri,opuscoli e periodici), che sono stati pubblicati in Libano sui seguenti argomenti:

 a)La personalità di Khomeini e Khamenei

b)L'ideologia del regime iraniano

c)Il Jihad(guerra santa)secondo Khomeini e Khamenei

d)I martiri degli Hezbollah come modelli

e)Fomentare i valori del terrorismo(definito resistenza)

f)Indottrinamento di bambini e ragazzi

g)Letteratura antisemita

h)Letteratura antiisraeliana

 Per continuare la lettura cliccate qui: http://www.terrorism-info.org.il/malam_multimedia/English/eng_n/pdf/iran_e003b.pdf ( in verità, ho deciso di tradurre anche il .PDF, ma se volete vedere le copertine dovete aprire questo documento, in inglese )

 a)Il culto della personalità di Khomeini e Khamenei:

Periodico Sada al-Wilaya -Editore: Associazione Al-Ma'aref, numero di novembre 2008, contenuti: Soprattutto immagini di Alì Khamenei

Libro: Il mio leader(Qa'idi) -Editore: Scouts Imam al-Mahdi(movimento giovanile degli Hezbollah), senza data -Contenuti: Culto dell'immagine di Alì Khamenei come un modello ed un esempio che dev'essere seguito da bambini ed adolescenti. Una copia del libro è stata trovata nel villaggio di Yaroun durante la seconda guerra del Libano.

Libro: Pietre miliari della vita dell'Imam Khomeini e della sua guerra santa -Casa editrice: Centro di cultura Imam Khomeini, 1999 -Contenuti: Dettagli biografici della vita di Khomeini

Periodico Dawhat al-Wilaya -Casa editrice: Associazione Al-Ma'aref, numero di novembre. Immagini di Khomeini e Khamenei.

Periodico Dawhat al-Wilaya -Casa editrice: Associazione Al-Ma'aref, numero di ottobre. Immagini di Khomeini e Khamenei.

 b)L'ideologia del regime iraniano:

Libro: Una rivalutazione della via dell'eloquenza(un libro importante della tradizione sciita) -Casa editrice: Markaz Baqiyyat Allah al-A'zam lil-Dirasat, 2000 -Contenuti: Nel libro Khamenei parla del governo islamico secondo una visione khomeinista, basata sul libro Nahj al-Balagha(La via dell'eloquenza). Il tema principale del libro è il ruolo del giurista religioso(Wilayat al-Faqih), secondo l'Ayatollah Khomeini. Khamenei dice che il dominio dell'Islam è importante in questo tipo di governo(pag.38), il ruolo centrale dell'Imam come leader e guida spirituale del governo islamico(pagg.20-32)e la necessità popolare di vincere nel mondo Musulmano per instaurare il governo islamico(pagg.55-71). Il libro è stato scritto in farsi ed è stato tradotto in arabo a Qom, la più sacra città degli sciiti in Iran.

Un pamphlet non datato con un discorso di Alì Khamenei per il mese di Muharram(il primo mese dell'anno Musulmano). Il discorso enfatizza l'importanza del martirio nell'Islam(shahada) e l'importanza della Rivoluzione Islamica, che serve per combattere la depravazione diffusa nel mondo dall'Occidente. -Casa editrice: Unità d'informazione centrale degli Hezbollah

Libro: Oh, (mio) caro -Casa editrice: Il testo completo del libro è disponibile nel sito web dell'associazione Al-Ma'aref. Non ci sono dettagli sull'anno di pubblicazione, ma sembra essere stato pubblicato negli ultimi tre anni. Contenuti: Il libro parla degli insegnamenti di Khomeini

Libro: Lezioni nel(concetto del)governo del giurista religioso -Casa editrice: Al-Ma'aref, 2005 -Contenuti: Il punto di vista di Khomeini sul giurista religioso. Il libro è rivolto probabilmente agli studenti.

Libro: Il movimento per il rinnovamento ed il risveglio -Casa editrice: Dar al-Hadi, 2007 -Contenuti: Insegnamenti di Khomeini

Libro: Come recitare il Corano -Casa editrice: Il testo completo del libro è disponibile sul sito web dell'associazione Al-Ma'aref. Non ci sono dettagli riguardo l'anno di pubblicazione, ma probabilmente è stato pubblicato in questi ultimi tre anni. -Contenuti: Insegnamenti di Khomeini

Libro: La Moschea nelle opinioni dell'Imam Khomeini -Casa editrice: Centro di Cultura Imam Khomeini, 2002 -Contenuti: Il libro parla dell'importanza della Moschea, vista come un  mezzo per diffondere lo spirito del Jihad ed un luogo per condurre le guerre islamiche. Una copia del libro è stata trovata nel villaggio di Maroun al-Ras durante la Seconda Guerra del Libano.

Libro: Le donne secondo l'Imam Khomeini -Casa editrice: Centro di cultura Imam Khomeini, 2002 -Contenuti: Il ruolo delle donne nella società secondo Khomeini. Il libro dice che le donne devono avere un ruolo attivo nel Jihad quando avviene un'invasione straniera.

 c)Jihad(guerra santa)secondo Khomeini e Khamenei

Libro: Guerra santa(Jihad) -Casa editrice: Centro di cultura Imam Khomeini, 2004 -Contenuti: In questo libro Alì Khamenei, leader spirituale iraniano, parla della sua visione del Jihad. Khamenei considera il Jihad una dottrina ed una serie di azioni attraverso le quali il Musulmano può "sacrificare la sua vita per la Causa di Allah ed andare in Paradiso". Secondo Khamenei, il più alto grado di Jihad è Shahada, il martirio per la causa di Allah. La copertina del libro mostra una foto di Khamenei e di tre combattenti(degli Hezbollah)

Libro: Il Jihad dell'anima nei pensieri di Khomeini -Casa editrice: Centro di cultura Imam Khomeini, 2002

Libro: La vittoria nelle riflessioni di Khomeini -Casa editrice: Centro di cultura Imam Khomeini, 2002 ( Nota: Un altro libro di questa serie è "La libertà nelle riflessioni di Khomeini" -al-Hurriyya fi-Fikr al-Imam Khomeini-, pubblicato nel 2003. Basato sul punto di vista della libertà dell'ayatollah Khomeini, il libro distrugge il concetto occidentale di libertà, dicendo che la libertà dev'essere confinata a quello che è permesso nell'Islam e nella legge dello stato. Nel libro la libertà è descritta come una forma di indipendenza dall'imperialismo occidentale e dall'occupazione straniera ).

 d)I martiri di Hezbollah come modelli

Libro: Il signore dei martiri ed il principe dei combattenti della resistenza ( Sheikh al-Shuhadaa' wa amir al-muqawimin), la storia del signore dei martiri, Sheikh Ragheb Harb -Casa editrice: Al-Ma'aref, 2003 -Contenuti: Il libro è dedicato ai "martiri della resistenza islamica". Racconta la storia di Sheikh Ragheb Harb, il massimo leader degli Hezbollah nel sud del Libano, ucciso nel 1984. Nel libro Ragheb Harb viene descritto come un uomo pio, morale, una persona che ha raggiunto il picco del sacrificio con il martirio(shahada), che ha portato alla "resistenza" le giovani generazioni. Il libro dice che Ghareb Harb ha liberato il sud del Libano dal "sudiciume dei Sionisti". Questo libro ed i successivi sono pubblicati dall'unità culturale centrale degli Hezbollah e dall'istituto dei martiri.

Libro: I principi del Paradiso, l'auto-martire(attentatore suicida) Sheikh As'ad Berro

Casa editrice: Al-Muqawama al-Islamiya(la resistenza islamica, gli Hezbollah), 1998 -Contenuti: Il libro è dedicato all'attentatore suicida As'ad Berro, che si è fatto saltare vicino ad un convoglio dell'IDF(esercito israeliano) al cancello di Fatma, vicino l'insediamento israeliano di Metulla il 19 Agosto 1988. As'ad Berro è stato trasformato in un modello dagli Hezbollah(Nota: Viene menzionato il fatto che As'ad Berro era parente di Ibrahim Mohsen Berro, che ha compiuto l'attentato suicida al Centro Ebraico(AMIA)in Argentina, uccidendo 85 persone e ferendone 151. Per ulteriori dettagli leggete questo rapporto -in inglese-: http://www.terrorism-info.org.il/malam_multimedia/English/eng_n/html/argentina_amia_e.htm ).  Sono stati uccisi sette soldati dell'IDF in questo attacco. Il libro elogia Berro dicendo che era un eroe che si è sacrificato ed un uomo di grande consapevolezza. Il libro elogia il Jihad, gli attentati suicidi(istishhad),e shahada(martirio), menzionato la Battaglia di Karbala come modello. (Nota: Una battaglia che ha avuto luogo nella città irachena di Karbala nel 680 Dc. Da un lato c'era Hussein, figlio di Ali bin Abi Taleb ed i suoi sostenitori, che volevano governare il califfato; dall'altra parte c'era Yazid, il Califfo Omayyade. Questa battaglia, in cui è stato ucciso Hussein, simbolizza l'importanza del martirio nell'Islam sciita e viene commemorata annualmente dagli sciiti nel giorno dell'Ashura frustandosi a sangue).

Libro: Il ritorno(al-Awda), la storia del martire Abd al-Latif al-Amin -Casa editrice: Al-Ma'aref, 2003 -Contenuti: Un libro dedicato ad Abd al-Latif al-Amin, un religioso sciita che è stato ucciso. E' nato in Libano nel 1948 e ha studiato nella città irachena di Najaf. E' tornato in Libano nel 1978, ha fondato una Moschea, combattuto contro Israele, ed è stato colpito a morte davanti la porta della sua abitazione nel 1984.

Libro: Lui(il martire)è tornato in un'aquila che vola in alto -Casa editrice: Al Ma'aref, 2003 -Contenuti: Un libro dedicato a Sheikh Ahmad Yahya Abu Dhar, conosciuto anche come Sheikh al-Mujahideen(Sheikh dei combattenti santi). Era un leader degli Hezbollah, è stato ucciso in uno scontro con l'IDF(esercito israeliano)alla fine della pace per la Guerra di Galilea.

Libro: Conoscenza ed azione('ilm wa-amal), la storia del martire Sheikh Ali Karim -Casa editrice: Al-Ma'aref, 2003 -Contenuti: Un libro dedicato a Sheikh Ali Karim, l'aiuto di Abbas Moussawi, il leader degli Hezbollah ucciso nel 1988. Ali Karim è nato nel 1965 in un villaggio nella regione Bint Jbeil. La sua famiglia si è trasferita a Beirut. Nel 1976 è andato a studiare a Najaf, in Iraq, e nel 1977 è tornato in Libano dopo aver trascorso un breve periodo nelle prigioni del regime di Saddam Hussein. Ha seguito la fondazione degli Hezbollah nel 1982 da parte delle guardie rivoluzionarie iraniane, e si è diplomato al primo corso militare degli Hezbollah. Era un religioso ed un terrorista che ha incoraggiato molte persone a far parte del terrorismo(definito resistenza)contro Israele. E' stato colpito a morte mentre era a bordo della sua auto nel 1988.

 e)Rafforzare i valori del terrorismo(definito resistenza)

Libro: Angeli della Misericordia(Mala'ikat al-rahama) -Casa editrice: Dar al-Hadi, 2007

Libro: Asheq al-shahada(Colui che è bisognoso del martirio) -Casa editrice: Dar al-Hadi, 2007

Libro: Parte di una serie intitolata "Pagine di gloria" -Casa editrice: Ala militare degli Hezbollah, 1996 -Contenuti: uesto ed altri libri della serie elogiano Hezbollah, i suoi combattenti, i valori del shahada(martirio), ed istishhad(attacchi suicidi), ed i martiri Hezbollah. Il libro inizia con le foto di Khomeini,Khamenei,Abbas Moussawi,Ragheb Harb ed Hassan Nasrallah(in questo ordine).

Libro: La storica vittoria della resistenza in Libano e la ricostruzione della mente araba -Casa editrice: Dar al-Hadi, 2007

 f)Indottrinamento di bambini ed adolescenti

Pamphlet: Il malvagio Sharon -Casa editrice: Scouts Imam Al Mahdi, 2002 -Contenuti: Un libro riguardo un piccolo regno chiamato "Paradiso"(simboleggiato con la Palestina) dove le persone vivono felici, finchè un re malvagio chiamato Sharon(riferito ad Ariel Sharon)si siede sul trono. Re Sharon governava il suo regno manipolando,torturando,ed opprimendo la sua gente. Sharon non sentiva suoni, soltanto "i pianti dei feriti ed i sospiri dei sofferenti", e non amava nessun altro colore eccetto "il rosso sangue". Ha fatto una legge che obbligava tutte le donne incinta di prendere un liquido per far rimanere bassi i loro bambini. La salvezza per il regno arriva quando i bambini(simboleggiati con i bambini palestinesi)decidono di vendicarsi del malvagio Sharon e chiedono aiuto ad un buon re di un regno vicino(simboleggiato con gli Hezbollah). Infine i bambini prendono a pietrate Sharon e sua moglie, il buon re condanna Sharon ed il suo entourage al carcere a vita, e la gente di "Paradiso" torna ad essere felice e contenta.

Libro: Figlio di (Bint)Jbeil -Casa editrice: Dar al-Hadi, 2007 -Contenuti: Parte di una serie di libri per bambini chiamata "La vittoria sui Sionisti"

Pamphlets fatti dagli scouts Imam Mahdi nel 2002. Biografia del capo dei martiri della resistenza islamica, Sayyid Abbas Moussawi(il leader di Hezbollah prima di Nasrallah), la sua vita, il suo Jihad ed il suo martirio e Jihad giovanile.

 g)Letteratura antisemita

Libro: Il Talmud e le radici del terrorismo Sionista -Casa editrice: Dar al-Hadi, 2008

Libro: La vera storia degli Ebrei -Casa editrice: Dar al-Hadi, 2002

 h)Letteratura antiamericana

Libro: L'America(gli Stati Uniti)è la fonte del terrorismo -Casa editrice: Hezbollah -Contenuti: La copertina del pamphlet mostra le bandiere americane ed israeliane in fiamme, con i palestinesi che piangono sullo sfondo della cupola della Moschea della Roccia a Gerusalemme. Sulla destra, c'è un'immagine di Alì Khamenei

Libro: L'America nell'epoca del quarto Reich(Insinuando che gli Stati Uniti sono i successori della Germania nazista) -Casa editrice: Dar al-Hadi, 2005

Libro: L'Università tra tradizionalismo ed occidentalizzazione(Al Jami'ah bayn Al-Asala wal-Tagharrub) -Contenuti: Un pamphlet che contiene il testo di un discorso fatto agli studenti da Alì Khamenei nel 2001. Nel discorso, Khamenei mette in guardia gli studenti dalle idee imperialiste dell'Occidente,soprattutto gli Stati Uniti, che diffondono idee per schiavizzare i popoli. Inoltre, si appella agli studenti affinchè accettino i nobili valori della Rivoluzione Islamica dell'Iran.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. hezbollah iran rivoluzione iraniana

permalink | inviato da savetheworld il 21/12/2008 alle 20:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
2 ottobre 2008
Hamas sempre più vicino all'Iran

L'ayatollah Ali Khamenei, guida suprema della repubblica islamica d’Iran, ha dichiarato mercoledì che l’Iran resterà al fianco del governo Hamas della striscia di Gaza e che Israele “si sta indebolendo giorno per giorno ed è avviato sulla strada della sconfitta totale e della distruzione ”. Lo ha riferito la tv di stato iraniana. Khamenei, il personaggio che ha l’ultima parola su tutte le questioni di governo in Iran, ha aggiunto che “senza dubbio il mondo islamico e l’attuale generazione di palestinesi vedrà il giorno in cui tutta la Palestina sarà a disposizione del popolo palestinese”. Khamenei ha poi definito il leader di Hamas a Gaza Ismail Haniyeh un “mujahed” (combattente della guerra santa), dicendogli: “L’Iran non ti lascerà mai solo”.

A questo punto voglio proprio vedere cosa diranno i soliti comunisti italiani sempre pronti a difendere quei porci di Hamas. E poi voglio vedere quale sarà la reazione internazionale a queste parole che sono una vera e propria dichiarazione di guerra.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. iran hamas dichiarazione di guerra

permalink | inviato da savetheworld il 2/10/2008 alle 10:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
14 agosto 2008
Gli americani ci negano il sostegno in caso di attacco all'Iran. Grazie mille, faremo da soli
                                                         

Secondo Haaretz Washington avrebbe respinto al mittente la richiesta israeliana di supporto militare in caso di attacco ai siti nucleari iraniani. Anzi gli amici americani avrebbero fatto anche di più, ci avrebbero negato l'utilizzo dello spazio aereo iracheno. Ma che bravi. Certo, aspettiamo che Teheran si costruisca la sua bombetta così potrà minacciare tutti senza problemi. Ma che schifo. Comunque faremo come al solito cioè faremo da soli. Poi ne riparliamo.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. iran usa nucleare

permalink | inviato da savetheworld il 14/8/2008 alle 10:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
29 luglio 2008
Ma chi è che fa saltare in aria le armi iraniane destinate a Hezbollah?

Ne ha parlato solo Haaretz (e quindi ne parlo anche io) ma la cosa sembra essere confermata. La scorsa settimana tra le varie sberle avute dai Guardiani della Rivoluzione ce ne una che in particolare stanno tenendo segreta, segretissima, perché dimostra che la Turchia fa passare le armi iraniane destinate a Hezbollah sul suo territorio. Insomma, un convoglio iraniano che stava portando armi agli Hezbollah è praticamente saltato in aria, è stato fatto saltare in aria mentre si accingeva a passare il confine con la Turchia, in pieno Kurdistan. I bastardi con la complicità dei turchi pensavano di avere campo libero invece si sono imbattuti in qualcosa o qualcuno che li ha bloccati. Risultato.....molte vittime tra i Guardiani della Rivoluzione in un violentissimo scontro a fuoco che però ha lasciato vittime anche dalla parte dei buoni. Chi sono questi buoni? Boh, fate voi, intanto quei missili non arriveranno mai in Libano e la Turchia naturalmente continua a negare. Peccato che l'evidente evidenza è li' davanti a tutti.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. hezbolah iran turchia buoni cattivi

permalink | inviato da savetheworld il 29/7/2008 alle 10:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
16 giugno 2008
Ci sono in giro testate atomiche? Che bella scoperta

Fa notizia in questi giorni il rapporto rilasciato da David Albright, famoso esperto di armi nucleari, nel quale si afferma che la “mafia del contrabbando nucleare” avrebbe messo all’asta i disegni per una bomba atomica compatta studiata da Abdul Qadeer Khan, considerato il padre dell'atomica pachistana. Sembra addirittura che questi disegni siano finiti in mano agli iraniani, cosa che ha destato subito allarme. Ma io mi chiedo: dov’è la novità. Negli ultimi anni dalla Bielorussia sono sparite almeno una decina di testate di cui non si sa più niente. Queste testate dovevano essere distrutte per il vecchio Trattato Start, ma sono semplicemente scomparse. Che dire poi delle “piccole” atomiche tattiche (le cosiddette valigette atomiche) di cui non si sa più niente? A me preoccupa questo, altro che i disegni di uno scienziato pazzo.

6 giugno 2008
Vade retro Ahmadinejad
La sconfitta politica di Ahmadinejad è stata totale e senza appello, anche se giustamente qualcuno vorrebbe azioni più incisive contro l'Iran. Tuttavia bisogna dire che l'accoglienza riservata dall'Italia al macellaio di Teheran è stata davvero esemplare e dovrebbe essere presa ad esempio da tanti altri stati che si definiscono democratici. I politici di ambo gli schieramenti (meno D'Alemmah naturalmente) hanno duramente condannato l'Iran per le sue violazioni dei diritti umani e per proseguire nell'intento di distruggere Israele. Bene, finalmente ci si accorge di quanto bastardo sia il regime dei Mullah.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. iran ahmadinejad terrorismo

permalink | inviato da savetheworld il 6/6/2008 alle 15:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
maggio        agosto